Vent’anni e un giorno

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Con un saggio introduttivo di Giordano Bruno Guerri

Bottai è stato un grande pensatore politico, destinato a costituire la filigrana nascosta e segreta di un'epoca, più che a determinarla o a cambiarla radicalmente.
? Giordano Bruno Guerri

Pubblicato per la prima volta nel 1949, Vent'anni e un giorno non è solo un libro di memorie di uno dei protagonisti del fascismo, ma anche un'analisi lucida delle colpe e dei mali intrinseci del regime che condussero al fallimento della rivoluzione, sognata e mai attuata, prima ancora che alla sconfitta militare.

Fascista della primissima ora, sempre su posizioni critiche e atipiche, Giuseppe Bottai determinò svolte epocali della società italiana, prima con la "Carta del Lavoro", poi con la "Carta della Scuola". Le sue riviste "Critica fascista" e "Primato" raccolsero il meglio della cultura del ventennio, compresi molti intellettuali già in odore di fronda e che poi sarebbero passati all'antifascismo. La sua autocritica su "un fallimento di uomini, non di un sistema" lo portò a arruolarsi nella Legione Straniera (1944-1948), per espiare "quel difetto di vigore critico e di rigore morale che mi ha impedito di oppormi con efficacia alla degenerazione del fascismo".

Attraverso le parole dello stesso Bottai, considerato tra le figure più interessanti e complesse del secolo appena trascorso, un racconto in presa diretta di un periodo cruciale del nostro passato, introdotto da un saggio brillante e rigoroso di Giordano Bruno Guerri.

Con un saggio introduttivo di Giordano Bruno Guerri

Bottai è stato un grande pensatore politico, destinato a costituire la filigrana nascosta e segreta di un'epoca, più che a determinarla o a cambiarla radicalmente.
? Giordano Bruno Guerri

Pubblicato per la prima volta nel 1949, Vent'anni e un giorno non è solo un libro di memorie di uno dei protagonisti del fascismo, ma anche un'analisi lucida delle colpe e dei mali intrinseci del regime che condussero al fallimento della rivoluzione, sognata e mai attuata, prima ancora che alla sconfitta militare.

Fascista della primissima ora, sempre su posizioni critiche e atipiche, Giuseppe Bottai determinò svolte epocali della società italiana, prima con la "Carta del Lavoro", poi con la "Carta della Scuola". Le sue riviste "Critica fascista" e "Primato" raccolsero il meglio della cultura del ventennio, compresi molti intellettuali già in odore di fronda e che poi sarebbero passati all'antifascismo. La sua autocritica su "un fallimento di uomini, non di un sistema" lo portò a arruolarsi nella Legione Straniera (1944-1948), per espiare "quel difetto di vigore critico e di rigore morale che mi ha impedito di oppormi con efficacia alla degenerazione del fascismo".

Attraverso le parole dello stesso Bottai, considerato tra le figure più interessanti e complesse del secolo appena trascorso, un racconto in presa diretta di un periodo cruciale del nostro passato, introdotto da un saggio brillante e rigoroso di Giordano Bruno Guerri.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 10.20 €
    • Pagine: 2
    • Formato libro: 23 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817022217

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...

Copyright © 2016 Rizzoli Libri S.p.A. - P.Iva 05877160159 Cookie policy e privacy Contatti


La prima app che ti permette
di scoprire tutte le novità in
libreria, i consigli e le
classifiche dei librai.

Per navigare utilizza l'app

Disponibile su AppStore Disponibile per Android su Google Play