Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Uno, nessuno e centomila

Luigi Pirandello

Bur

Può la banale scoperta di possedere un naso lievemente storto mandare in frantumi tutta una vita? È ciò che accade a Vitangelo Moscarda, quando la moglie si lascia sfuggire un commento distratto sul suo aspetto. Quelle parole spingono Vitangelo a imboccare una tortuosa strada che lo porterà fino alla drammatica consapevolezza di quanto sia labile e incerta la concezione della propria identità, di come ognuno di noi non sia mai “uno”, ma possieda allo stesso tempo le “centomila” personalità che gli altri gli attribuiscono, fino a diventare, tragicamente, “nessuno”. Pubblicato nel 1926 e apice della produzione pirandelliana, Uno, nessuno e centomila era considerato dallo stesso autore il testo “più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita”. Attraverso lo sconvolgimento e la follia del protagonista, Pirandello rivela come nessun altro la natura contraddittoria e illusoria delle maschere imposte all’uomo dalla società.

Libri Correlati

vedi tutti