Turbopolitica

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Sessant'anni di comunicazione politica e di scena pubblica in Italia (1945-2005)

Nel segreto della cabina Dio ti vede, Stalin non ti vede.
Comitati civici

Il 18 e 19 aprile non devi pensare, devi agire.
Democrazia cristiana

Tagliamo i profitti, non i salari. Vota Pci.

L'ottimismo della volontà. Vota Psi.

Un Presidente operaio.
Silvio Berlusconi

Il lifting di Berlusconi e Fassino a "C'è posta per te", la crociera di Fini e il camion di Prodi, i post-it di Bertinotti e l'ampolla con l'acqua del Monviso. E ancora, il salotto di Bruno Vespa e il "Rockpolitik" di Celentano, i club di Forza Italia e le primarie del centro-sinistra, i campaign manager e gli spin doctor. Sono le ma¬nifestazioni recenti e più appariscenti di un profondo cambiamento della scena pubblica che non si limita al campo della comunicazione. Siamo infatti in presenza di una politica nuova, trasformata nelle sue storiche funzioni d'integrazione, formazione e rappresentanza, mutata nelle logiche e nel¬le forme, impegnata in un dialogo sempre più serrato con i mass media, schiac¬ciata sui tempi corti dell'informazione e che ha posto al centro della propria azione la ricerca spasmodica della visibilità. È la turbopolitica. L'attuale punto d'arrivo di un percorso che inizia sessant'anni fa quando, nel pieno dello scontro politico-ideologico, oratori pretelevisivi dominavano le piazze, Pio XII suggeriva di candidare Gino Bartali, il Pci organizzava una sezione per ogni campanile e i frati volanti s'infiltravano nei comizi.

Sessant'anni di comunicazione politica e di scena pubblica in Italia (1945-2005)

Nel segreto della cabina Dio ti vede, Stalin non ti vede.
Comitati civici

Il 18 e 19 aprile non devi pensare, devi agire.
Democrazia cristiana

Tagliamo i profitti, non i salari. Vota Pci.

L'ottimismo della volontà. Vota Psi.

Un Presidente operaio.
Silvio Berlusconi

Il lifting di Berlusconi e Fassino a "C'è posta per te", la crociera di Fini e il camion di Prodi, i post-it di Bertinotti e l'ampolla con l'acqua del Monviso. E ancora, il salotto di Bruno Vespa e il "Rockpolitik" di Celentano, i club di Forza Italia e le primarie del centro-sinistra, i campaign manager e gli spin doctor. Sono le ma¬nifestazioni recenti e più appariscenti di un profondo cambiamento della scena pubblica che non si limita al campo della comunicazione. Siamo infatti in presenza di una politica nuova, trasformata nelle sue storiche funzioni d'integrazione, formazione e rappresentanza, mutata nelle logiche e nel¬le forme, impegnata in un dialogo sempre più serrato con i mass media, schiac¬ciata sui tempi corti dell'informazione e che ha posto al centro della propria azione la ricerca spasmodica della visibilità. È la turbopolitica. L'attuale punto d'arrivo di un percorso che inizia sessant'anni fa quando, nel pieno dello scontro politico-ideologico, oratori pretelevisivi dominavano le piazze, Pio XII suggeriva di candidare Gino Bartali, il Pci organizzava una sezione per ogni campanile e i frati volanti s'infiltravano nei comizi.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 9.80 €
    • Pagine: 304
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817009485

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...