Se il Sole muore

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Questo libro è straordinario per la profondità e la minuziosità del lavoro, l’istinto di ricerca non demorde mai, cercando di illuminare ogni aspetto e ogni volto della corsa allo spazio, con un metodo giornalistico difficilmente eguagliabile per impegno, passione e tenacia.
— Dalla Prefazione di Mario Calabresi

 

 

“Forse il più straordinario, il più onesto, il più accurato e infine anche il più commovente libro tra i tanti che sono stati scritti sull’avventura dell’uomo nello spazio.” È il commento autorevole del “New Yorker” all’edizione americana di Se il Sole muore di Oriana Fallaci, pubblicato in Italia da Rizzoli nel 1965 e poi tradotto in undici Paesi. Negli anni Sessanta la Fallaci, che è già scrittrice di fama e inviata di punta de “L’Europeo”, trascorre lunghi periodi in America, tra gli astronauti e i ricercatori di Cape Kennedy. Li osserva, li esamina, li interroga. Ne risulta il diario di una donna che vive i suoi tempi affrontando con curiosità ed entusiasmo le scoperte della scienza e della tecnologia, ma che guarda all’impresa spaziale con timore e molti dubbi. La narrazione prende la forma di un dialogo in parte immaginario con il padre. Con lui Oriana discute in modo anche polemico, consapevole della distanza che li divide: l’anziano genitore attaccato all’autenticità delle cose, agli alberi e alla terra che hanno nutrito intere generazioni. E la figlia che conduce la sua inchiesta nel “mondo nuovo” domandandosi a prezzo di quale felicità o infelicità l’individuo conquisterà la Luna e gli altri pianeti. “Se il Sole muore,” le aveva detto Ray Bradbury in un memorabile incontro “la nostra razza muore col Sole… E muore Omero, e muore Michelangelo, e muore Galileo. Salviamoli dunque, salviamoci.” Dopo il suo appassionante viaggio, “piena di disperato ottimismo”, la Fallaci si affida al futuro. “Costi quello che costi… noi vivremo lassù.”

Questo libro è straordinario per la profondità e la minuziosità del lavoro, l’istinto di ricerca non demorde mai, cercando di illuminare ogni aspetto e ogni volto della corsa allo spazio, con un metodo giornalistico difficilmente eguagliabile per impegno, passione e tenacia.
— Dalla Prefazione di Mario Calabresi

 

 

“Forse il più straordinario, il più onesto, il più accurato e infine anche il più commovente libro tra i tanti che sono stati scritti sull’avventura dell’uomo nello spazio.” È il commento autorevole del “New Yorker” all’edizione americana di Se il Sole muore di Oriana Fallaci, pubblicato in Italia da Rizzoli nel 1965 e poi tradotto in undici Paesi. Negli anni Sessanta la Fallaci, che è già scrittrice di fama e inviata di punta de “L’Europeo”, trascorre lunghi periodi in America, tra gli astronauti e i ricercatori di Cape Kennedy. Li osserva, li esamina, li interroga. Ne risulta il diario di una donna che vive i suoi tempi affrontando con curiosità ed entusiasmo le scoperte della scienza e della tecnologia, ma che guarda all’impresa spaziale con timore e molti dubbi. La narrazione prende la forma di un dialogo in parte immaginario con il padre. Con lui Oriana discute in modo anche polemico, consapevole della distanza che li divide: l’anziano genitore attaccato all’autenticità delle cose, agli alberi e alla terra che hanno nutrito intere generazioni. E la figlia che conduce la sua inchiesta nel “mondo nuovo” domandandosi a prezzo di quale felicità o infelicità l’individuo conquisterà la Luna e gli altri pianeti. “Se il Sole muore,” le aveva detto Ray Bradbury in un memorabile incontro “la nostra razza muore col Sole… E muore Omero, e muore Michelangelo, e muore Galileo. Salviamoli dunque, salviamoci.” Dopo il suo appassionante viaggio, “piena di disperato ottimismo”, la Fallaci si affida al futuro. “Costi quello che costi… noi vivremo lassù.”

Commenti

Autore


  • autore_img
    Oriana Fallaci

    ORIANA FALLACI (1929-2006), fiorentina, è stata definita “uno degli autori più letti ed amati del mondo” dal rettore del Columbia College of Chicago che le ha conferito la la [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: BEST BUR
    • Prezzo: 12.00 €
    • Pagine: 640
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817041355

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...