Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Prep

Bur
Copertina di: Prep

"Questo best seller a sorpresa è lo stupefacente ritratto di cosa significa essere quella ragazza silenziosa e appartata che nessuno nota mai." - Lev Grossman, Time Adolescenza e società USA vivisezionate da una trentenne che sa di cosa parla. - Elisa Manisco, la Repubblica Lee Fiora, quattordicenne di provincia cresciuta in una cittadina dell'Indiana, ottiene una borsa di studio per la preparatory ("prep") school di Ault, un prestigioso liceo vicino a Boston. È ? come prometteva il dépliant ? un ambiente esclusivo di antichi edifici di mattoni e prati impeccabilmente curati, ragazzi dai sorrisi smaglianti e belle ragazze in kilt. Quando si ritrova da sola nel collegio, a oltre mille chilometri dalla famiglia e dagli amici, Lee comincia a capire ciò che il dépliant non diceva: per esempio che a Ault "i soldi erano dappertutto, ma in genere erano invisibili. Ogni tanto si intravedevano in cose scintillanti, come il cofano della Mercedes del direttore, o la cupola dorata dell'edificio scolastico, o i capelli biondi, lunghi e lisci di una ragazza". Soprattutto, Lee si rende conto che lei sarà sempre un'estranea tra i rampolli delle ricche famiglie della East Coast, intimidita e attratta dai suoi compagni. Proprio perché è una di quelle "ragazze tranquille, noiose ed emarginate", Lee riesce a cogliere ? con la precocità e la crudele esattezza di un giovane Holden al femminile ? i tratti essenziali dei caratteri, delle relazioni, dei rituali di alunni e professori. Attraverso il suo sguardo osserviamo la commedia quotidiana e le occasionali tragedie della vita di collegio, la nascita e la morte delle amicizie, la paura e il desiderio delle prime esperienze sessuali, le elusive ma insuperabili barriere di razza e di classe, i conflitti con gli insegnanti e i genitori. In questo debutto che rivela un nuovo talento della giovane narrativa americana, Curtis Sittenfeld offre un ritratto profondo e toccante non solo di una ragazza che cresce e si trasforma davanti ai nostri occhi, ma anche di quell'eterna adolescenza che appartiene a tutti noi.