Parole d’onore

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Le voci di Cosa Nostra.
Il gergo dei suoi uomini.
Fra riti e tragedie,
mezzo secolo di mafia
nella parlata dei mafiosi.


Le massime aspirazioni del siciliano sono tre:
mangiare carne, cavalcare carne, comandare carne.
- Angelo Nicosia
parlamentare della Commissione antimafia 1963-1976

Sono voci che provengono da un altro mondo. Portano sempre un messaggio. Parlano di moralità e famiglia, affari e delitti, regole, amori, amicizie tradite, di religione e Dio, soldi e potere, di vita e di morte. Questo libro è il resoconto di un viaggio fra gli uomini che popolano i territori mafiosi. Un inventario dei loro pensieri e dei loro “ragionamenti”. Dal maxiprocesso di Palermo dell’inverno 1986 agli ultimi picciotti reclutati nelle borgate, da Tommaso Buscetta e Luciano Liggio alle scorribande di Totò Riina e dei suoi figli, dai lussi dell’Ucciardone al ritorno degli “scappati”. Non è solo un linguaggio e non è solo un codice quello di mafia: è esercizio d’intelligenza, raffinato calcolo.
Diceva Giovanni Falcone: “Conoscendo gli uomini d’onore ho imparato che le logiche mafiose non sono mai sorpassate né incomprensibili, sono in realtà le logiche del potere e sempre funzionali a uno scopo. In certi momenti, questi mafiosi mi sembrano gli unici esseri razionali in un mondo popolato da folli. Anche Sciascia sosteneva che in Sicilia si nascondono i cartesiani peggiori”.

Le voci di Cosa Nostra.
Il gergo dei suoi uomini.
Fra riti e tragedie,
mezzo secolo di mafia
nella parlata dei mafiosi.


Le massime aspirazioni del siciliano sono tre:
mangiare carne, cavalcare carne, comandare carne.
- Angelo Nicosia
parlamentare della Commissione antimafia 1963-1976

Sono voci che provengono da un altro mondo. Portano sempre un messaggio. Parlano di moralità e famiglia, affari e delitti, regole, amori, amicizie tradite, di religione e Dio, soldi e potere, di vita e di morte. Questo libro è il resoconto di un viaggio fra gli uomini che popolano i territori mafiosi. Un inventario dei loro pensieri e dei loro “ragionamenti”. Dal maxiprocesso di Palermo dell’inverno 1986 agli ultimi picciotti reclutati nelle borgate, da Tommaso Buscetta e Luciano Liggio alle scorribande di Totò Riina e dei suoi figli, dai lussi dell’Ucciardone al ritorno degli “scappati”. Non è solo un linguaggio e non è solo un codice quello di mafia: è esercizio d’intelligenza, raffinato calcolo.
Diceva Giovanni Falcone: “Conoscendo gli uomini d’onore ho imparato che le logiche mafiose non sono mai sorpassate né incomprensibili, sono in realtà le logiche del potere e sempre funzionali a uno scopo. In certi momenti, questi mafiosi mi sembrano gli unici esseri razionali in un mondo popolato da folli. Anche Sciascia sosteneva che in Sicilia si nascondono i cartesiani peggiori”.

Commenti

Autore


  • Attilio Bolzoni

    (1955) è un giornalista di “Repubblica” che da oltre trent’anni racconta la mafia e la Sicilia. Per BUR ha pubblicato anche Parole d’onore (2008).


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: FUTUROPASSATO
    • Prezzo: 12.00 €
    • Pagine: 416
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817025058
    • ISBN E-book: 9788858600269

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...