Novelle (60)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Prefazione di Emilio Giannelli.

Nel Decameron il mondo dello spirito se ne va: viene il mondo della natura, con il suo spregiudicato e gioioso senso di liberazione da ogni norma religiosa e trascendente. Siamo nel 1348 e mentre fuori, a Firenze, la peste semina morte, una lieta brigata di dieci giovani si raccoglie in una villa di campagna a raccontarsi storie di amori cortesi, di beffe, di astuzie, di piccole tragedie e immense miserie.
Nelle vicende di ser Ciappelletto e frate Alberto, in quelle di Calandrino e madonna Filippa, viene accolta l’intera vita, l’intera “umana commedia”. Il risultato è un’opera unica, qui antologizzata nei suoi più esilaranti tratti, che si sviluppa in una dimensione tutta terrena e laica: gli uomini e le donne del Decameron ignorano il dramma del peccato.
Emilio Giannelli, che con le sue vignette ci ha abituato a ridere dei potenti, presta ora il suo tratto sagace ai volti e alle movenze dei personaggi delle novelle boccaccesche. E non poteva essere altrimenti, perché nel Decameron, per la prima volta nella letteratura, il dorato mondo dei cavalieri cede il passo all’umanità varia di ogni strato sociale, alla sua esuberante e ricchissima vitalità.
Anche l’amore diventa più “democratico”: è avventura sensuale, istinto sano e naturale, vitale espressione di civiltà e gioia dell’esistenza. Così, in questa immensa e suggestiva galleria, è ritratta, dall’Antichità al Medioevo, dall’Italia alla Francia, alle Fiandre e all’Inghilterra fino al lontano Oriente, l’umanità intera.

Prefazione di Emilio Giannelli.

Nel Decameron il mondo dello spirito se ne va: viene il mondo della natura, con il suo spregiudicato e gioioso senso di liberazione da ogni norma religiosa e trascendente. Siamo nel 1348 e mentre fuori, a Firenze, la peste semina morte, una lieta brigata di dieci giovani si raccoglie in una villa di campagna a raccontarsi storie di amori cortesi, di beffe, di astuzie, di piccole tragedie e immense miserie.
Nelle vicende di ser Ciappelletto e frate Alberto, in quelle di Calandrino e madonna Filippa, viene accolta l’intera vita, l’intera “umana commedia”. Il risultato è un’opera unica, qui antologizzata nei suoi più esilaranti tratti, che si sviluppa in una dimensione tutta terrena e laica: gli uomini e le donne del Decameron ignorano il dramma del peccato.
Emilio Giannelli, che con le sue vignette ci ha abituato a ridere dei potenti, presta ora il suo tratto sagace ai volti e alle movenze dei personaggi delle novelle boccaccesche. E non poteva essere altrimenti, perché nel Decameron, per la prima volta nella letteratura, il dorato mondo dei cavalieri cede il passo all’umanità varia di ogni strato sociale, alla sua esuberante e ricchissima vitalità.
Anche l’amore diventa più “democratico”: è avventura sensuale, istinto sano e naturale, vitale espressione di civiltà e gioia dell’esistenza. Così, in questa immensa e suggestiva galleria, è ritratta, dall’Antichità al Medioevo, dall’Italia alla Francia, alle Fiandre e all’Inghilterra fino al lontano Oriente, l’umanità intera.

Commenti

Autore


  • Giovanni Boccaccio

    (Certaldo, 1313-1375) è uno dei padri della letteratura italiana. Il Decameron, tra i capolavori più amati in ogni tempo, costituisce uno dei testi cardine della cultura europea.


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: VARIA
    • Prezzo: 4.90 €
    • Pagine: 144
    • Formato libro: 17 x 12
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817034982

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...