Nel segno della parola

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Se i grandi cambiamenti si riconoscono dalle parole, allora l’imperativo è quello di creare un nuovo lessico per nominare questo presente globale, eppure così frantumato, estraneo, eppure così invadente. Ivano Dionigi La parola che da arma difensiva e offensiva si riduce a "merce" (Del Giudice); la parola che si piega a strumento di "prevaricazione", come dimostrano gli eccessi tragici degli ultimi tempi (Eco); la parola dell’uomo che si contrappone a quella di Dio e si fa "diabolica", divenendo veicolo di odio e divisione (Ravasi). Tre autori contemporanei dialogano con i testi di Gerusalemme, Atene e Roma, riuniti qui in un’antologia che ripercorre alcuni momenti esemplari della riflessione antica sulla parola e sul suo rapporto con il potere, dalla Genesi alle Nuvole di Aristofane alle Confessioni di Sant’Agostino. Oggi, nel tempo del rinnovato "impero della retorica", la tragedia è che i padroni del linguaggio mandino in esilio i cittadini della parola. In questa prospettiva la filologia, l’"amore per la parola", trascende il significato di disciplina specialistica e si eleva a impegno morale e civile di ogni uomo. Daniele Del Giudice è romanziere, saggista, autore di testi teatrali e docente di Letteratura Italiana allo IUAV di Venezia. Umberto Eco è ordinario di Semiotica e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna. Gianfranco Ravasi è docente di Esegesi dell’Antico Testamento nella Facoltà Teologica dell’Italia settentrionale e prefetto della Biblioteca Ambrosiana. Ivano Dionigi è ordinario di Letteratura Latina e direttore del Centro Studi "La permanenza del Classico" dell’Università di Bologna.

Se i grandi cambiamenti si riconoscono dalle parole, allora l’imperativo è quello di creare un nuovo lessico per nominare questo presente globale, eppure così frantumato, estraneo, eppure così invadente. Ivano Dionigi La parola che da arma difensiva e offensiva si riduce a "merce" (Del Giudice); la parola che si piega a strumento di "prevaricazione", come dimostrano gli eccessi tragici degli ultimi tempi (Eco); la parola dell’uomo che si contrappone a quella di Dio e si fa "diabolica", divenendo veicolo di odio e divisione (Ravasi). Tre autori contemporanei dialogano con i testi di Gerusalemme, Atene e Roma, riuniti qui in un’antologia che ripercorre alcuni momenti esemplari della riflessione antica sulla parola e sul suo rapporto con il potere, dalla Genesi alle Nuvole di Aristofane alle Confessioni di Sant’Agostino. Oggi, nel tempo del rinnovato "impero della retorica", la tragedia è che i padroni del linguaggio mandino in esilio i cittadini della parola. In questa prospettiva la filologia, l’"amore per la parola", trascende il significato di disciplina specialistica e si eleva a impegno morale e civile di ogni uomo. Daniele Del Giudice è romanziere, saggista, autore di testi teatrali e docente di Letteratura Italiana allo IUAV di Venezia. Umberto Eco è ordinario di Semiotica e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna. Gianfranco Ravasi è docente di Esegesi dell’Antico Testamento nella Facoltà Teologica dell’Italia settentrionale e prefetto della Biblioteca Ambrosiana. Ivano Dionigi è ordinario di Letteratura Latina e direttore del Centro Studi "La permanenza del Classico" dell’Università di Bologna.

Commenti

Autore


  • Ivano Dionigi

    Ivano Dionigi è latinista e rettore dell’Università di Bologna, della quale dirige il Centro Studi “La permanenza del Classico”.


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 8.90 €
    • Pagine: 128
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817006323
    • ISBN E-book: 9788858650684

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...