Memoriale di Sant’Elena (cof. 2 voll .) (Il)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


VOLUME PRIMO
Il Memoriale di Sant'Elena era il solo libro con l'aiuto del quale la fantasia di Sorel si immaginava il mondo? Secondo l'espressione del vecchio chirurgo-maggiore, considerava tutti gli altri libri come bugiardi e scritti dai furbi per ottenere un avanzamento nella carriera.
Stendhal, Il Rosso e il Nero

Non è solo Julien Sorel, il protagonista de Il Rosso e il Nero, a scorrere avidamente e segretamente le pagine del Memoriale di Sant'Elena. In questo breviario di una generazione si ritrova tutta la giovane Europa romantica per sognare imprese diventate impossibili, per coltivare il desiderio di vite meno oscure e insignificanti di quelle che prepara loro un mondo ritornato improvvisamente, dopo anni irripetibili, vecchio e sordo.

Ma a incantare i lettori, allora come oggi, non è soltanto la rievocazione di un'età singolare di battaglie e di conquiste, ma quel tono di diffusa melanconia che si stende anche sui momenti più gloriosi di quell'epopea. È la voce di Napoleone, che interviene puntualmente in controcanto a quella del suo puntiglioso biografo, ricordando a se stesso, ancor prima che agli altri, la distanza profonda che separa in ogni vita, e quindi anche nella vita dei grandi, la gloria dalla felicità. "Grandioso edificio della memoria", per prendere in prestito un'espressione di Proust, il Memoriale di Sant'Elena si presenta, alla fine, come uno straordinario archetipo del romanzo moderno, dove lo scorrere dell'esistenza e il rimpianto su di essa vivono continuamente intrecciati.

VOLUME SECONDO
Le mie riflessioni erano, quel giorno, velate di malinconia: guardavo quelle mani che avevano stretto tanti scettri e in quell'istante erano tranquillamente occupate, forse non senza qualche piacere, a rimettere insieme dei semplici fogli di carta ai quali, è vero, egli imprime dei caratteri che non si potranno mai cancellare; i profili che vi semina rimarranno come giudizi per i posteri; è il libro della vita o della morte per molti di coloro che vi sono citati.
Emmanuel de Las Cases

Il Memoriale ricostruisce le memorie di Napoleone dettate durante l'esilio di Sant'Elena al conte de Las Cases: le sue azioni, il suo pensiero, la sua filosofia.
L'ascesa, la grandezza e la caduta di un uomo che fu, nel bene e nel male, il più grande del suo tempo. Una minuta descrizione della vita quotidiana dal giugno 1815 al novembre 1816.

EMMANUEL DE LAS CASES (1766-1842), aristocratico, emigrato allo scoppio della Rivoluzione a Londra, rientra in Francia dopo la conquista del potere da parte di Napoleone e vi diventa Consigliere di stato. È la sua conoscenza dell'Inghilterra e degli Inglesi, probabilmente, a farlo scegliere per il ristretto seguito che accompagna l'Imperatore in esilio a Sant'Elena. L'enorme successo del Memoriale gli assicura, al suo ritorno, un'esistenza agiata e anche una carriera politica.

LUIGI MASCILLI MIGLIORINI, dell'Università di Napoli "L'Orientale", è tra i maggiori studiosi italiani dell'età napoleonica. Alla sua biografia Napoleone (Roma, 2001) è stato attribuito nel 2002 il Grand Prix de la Fondation Napoléon.

VOLUME PRIMO
Il Memoriale di Sant'Elena era il solo libro con l'aiuto del quale la fantasia di Sorel si immaginava il mondo? Secondo l'espressione del vecchio chirurgo-maggiore, considerava tutti gli altri libri come bugiardi e scritti dai furbi per ottenere un avanzamento nella carriera.
Stendhal, Il Rosso e il Nero

Non è solo Julien Sorel, il protagonista de Il Rosso e il Nero, a scorrere avidamente e segretamente le pagine del Memoriale di Sant'Elena. In questo breviario di una generazione si ritrova tutta la giovane Europa romantica per sognare imprese diventate impossibili, per coltivare il desiderio di vite meno oscure e insignificanti di quelle che prepara loro un mondo ritornato improvvisamente, dopo anni irripetibili, vecchio e sordo.

Ma a incantare i lettori, allora come oggi, non è soltanto la rievocazione di un'età singolare di battaglie e di conquiste, ma quel tono di diffusa melanconia che si stende anche sui momenti più gloriosi di quell'epopea. È la voce di Napoleone, che interviene puntualmente in controcanto a quella del suo puntiglioso biografo, ricordando a se stesso, ancor prima che agli altri, la distanza profonda che separa in ogni vita, e quindi anche nella vita dei grandi, la gloria dalla felicità. "Grandioso edificio della memoria", per prendere in prestito un'espressione di Proust, il Memoriale di Sant'Elena si presenta, alla fine, come uno straordinario archetipo del romanzo moderno, dove lo scorrere dell'esistenza e il rimpianto su di essa vivono continuamente intrecciati.

VOLUME SECONDO
Le mie riflessioni erano, quel giorno, velate di malinconia: guardavo quelle mani che avevano stretto tanti scettri e in quell'istante erano tranquillamente occupate, forse non senza qualche piacere, a rimettere insieme dei semplici fogli di carta ai quali, è vero, egli imprime dei caratteri che non si potranno mai cancellare; i profili che vi semina rimarranno come giudizi per i posteri; è il libro della vita o della morte per molti di coloro che vi sono citati.
Emmanuel de Las Cases

Il Memoriale ricostruisce le memorie di Napoleone dettate durante l'esilio di Sant'Elena al conte de Las Cases: le sue azioni, il suo pensiero, la sua filosofia.
L'ascesa, la grandezza e la caduta di un uomo che fu, nel bene e nel male, il più grande del suo tempo. Una minuta descrizione della vita quotidiana dal giugno 1815 al novembre 1816.

EMMANUEL DE LAS CASES (1766-1842), aristocratico, emigrato allo scoppio della Rivoluzione a Londra, rientra in Francia dopo la conquista del potere da parte di Napoleone e vi diventa Consigliere di stato. È la sua conoscenza dell'Inghilterra e degli Inglesi, probabilmente, a farlo scegliere per il ristretto seguito che accompagna l'Imperatore in esilio a Sant'Elena. L'enorme successo del Memoriale gli assicura, al suo ritorno, un'esistenza agiata e anche una carriera politica.

LUIGI MASCILLI MIGLIORINI, dell'Università di Napoli "L'Orientale", è tra i maggiori studiosi italiani dell'età napoleonica. Alla sua biografia Napoleone (Roma, 2001) è stato attribuito nel 2002 il Grand Prix de la Fondation Napoléon.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: CLASSICI
    • Prezzo: 26.00 €
    • Pagine: 912
    • Formato libro: 40 x 33
    • Tipologia: BROSSURA / CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817107907
    • ISBN E-book: 9788858657324

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...