Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Memed il falco

Bur

Cantore della Turchia insieme innamorato e critico, Yashar
Kemal sa evocare I’incanto e lo sgomento dell’infanzia, le
contraddizioni tra vita, morale e passione.
Claudio Magris

 

Un giovane povero ma fiero, una donna innamorata, un latifondista dispotico e crudele. Gli ingredienti del classico triangolo dell’amore tragico si fondono con i paesaggi incontaminati della regione del Tauro, le sue montagne, i poveri villaggi, la vita misera dei contadini. E danno vita alla storia di Memed il Sottile, che per amore e ribellione lascia la propria casa e diventa un brigante soprannominato “il falco”, temutissimo dai ricchi e idolo dei più poveri. Da quel momento, in un susseguirsi di fughe, avventure e conflitti, la storia di Memed, personaggio dalla epica tempra morale, si intreccia con quella del mondo di tribù e clan in cui si muove e assume l’affascinante dimensione di un racconto corale e grandioso, una vicenda di amore e morte, bene e male, in equilibrio perfetto sul confine tra letteratura e leggenda.