Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

L’italia littoria

Indro Montanelli

Bur

1925-1936

D opo il caso Matteotti, il 3 gennaio 1925 Mussolini pronuncia alla Camera un discorso storico: coglie tutti impreparati assumendosi la responsabilità politica dell’omicidio e ribaltando la situazione in proprio favore. Rimaneggia il governo, chiede e ottiene i pieni poteri, inaugura di fatto la dittatura. Si apre così un decennio che regala al regime fascista successi incontrastati e innegabili, coronati dal grande favore popolare. Il clima mondiale sempre più delicato – il “giovedì nero” della Borsa newyorkese, l’uscita di Germania e Giappone dalla Società delle Nazioni, l’ascesa di Hitler, la “notte dei lunghi coltelli”, le leggi razziali di Norimberga – fa risaltare le vittorie politiche del Duce. Folle osannanti accolgono la rivalutazione monetaria, le grandi opere pubbliche, la creazione dell’Iri, i Patti Lateranensi e lo scioglimento dei partiti di opposizione; si arriva persino a donare le fedi d’oro per sostenere l’economia italiana. All’apice di questa popolarità ci sono la vittoriosa guerra d’Abissinia e la proclamazione dell’Impero, nel 1936. Ma mentre il fascismo festeggia il proprio trionfo, se ne intravedono già la crisi e la rovinosa caduta. Indro Montanelli e Mario Cervi ricostruiscono, in un lavoro a quattro mani perfettamente orchestrato, anni fondamentali nella storia del nostro Novecento: un periodo che va compreso a fondo per capire come l’Italia si sia avviata alla terribile svolta della seconda guerra mondiale.

Libri Correlati

vedi tutti