Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

La vita quotidiana a Roma nel tardo impero

Bertrand Lançon

Bur

Come una città sopravvive al suo impero

All’inizio del IV secolo d.C. Roma è una metropoli senza imperatori – che preferiscono risiedere altrove – e in balia di continue incursioni, carestie, e crisi demografiche. Le ricchezze che un tempo l’hanno resa grande sono ora facile preda per le orde di barbari, che non incontrano più resistenza militare ai confini dell’Impero. La città eterna è ferita fisicamente e mo- ralmente, ma riesce a medicare le proprie piaghe e a rialzarsi in fretta: feste, giochi, spettacoli e grandi opere di restauro riprendono ad animarla, e altezzosi patrizi continuano ad occuparne le strade lastricate, vantandosi delle loro ricchezze, accompagnati da signore che camminano con civetteria avvolte in tuniche alla moda. Dietro di loro legioni di schiavi. La società tardoantica infatti non rinuncia alla popolazione servile, ma le condizioni dei più miseri sono destinate a migliorare grazie alla diffusione del Cristianesimo, che trova sempre più adepti anche fra nobili e senatori. Il miracolo romano è dunque compiuto: Roma non è caduta, non è crollata, ma da solenne aquila imperiale è diventata la sedes Petri, culla della cristianità. Grazie a fonti letterarie, storiche e archeologiche Lançon ci accompagna fra le strade di una città in cui culti pagani e riti cristiani si legano indissolubilmente, in uno straordinario intreccio di tradizioni che conserviamo ancora oggi. Anche nel corso del lento declino dell’Impero, dunque, tutte le strade continuano a portare a Roma.