Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

La targa

Andrea Camilleri

Bur

“Generoso di fabula come ogni nonno. Una voce bellissima che è già una messa in scena: potente, avvolgente in ogni voluta di fumo.” Pietrangelo Buttafuoco

Il nomi di Antonio Cannizzaro vi dice nenti?” Bastano queste parole a uccidere il novantaseienne don Emanuele Persico, squadrista della primissima ora, ormai tutto pelle e ossa. A fargli prendere letteralmente un colpo quel diffamatore antifascista di Michele Ragusano che, tornato da cinque anni di confino a Lipari, riappare a Vigata proprio quando il circolo Fascio & Famiglia sta festeggiando la trionfale entrata in guerra dell’Italia. È l’11 giugno 1940, Ragusano scampa per un pelo agli squadristi che lo vogliono linciare ma finisce in carcere per omicidio preterintenzionale. Comincia così un esilarante circo di celebrazioni postume e di scoperte sensazionali sul passato dell’integerrimo camerata Persico: per gli squadristi che vogliono intitolargli una via sarà davvero complicato scegliere cosa scrivere su quella targa. Una lettura piena di sagacia e di personaggi tratteggiati con l’irresistibile umorismo di Camilleri.

Libri Correlati

vedi tutti