La Guerra civile europea 1917-1945

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Ernst Nolte possiede una singolare capacità di sollevare interrogativi provocanti su nodi cruciali della storia del Ventesimo secolo. Appassionatamente discusse, respinte o condivise, le sue tesi sulle affinità tra bolscevismo e nazionalsocialismo lasciano comunque il segno nella storiografia contemporanea.
? Gian Enrico Rusconi, La Stampa

Secolo di straordinarie rivoluzioni politiche e sociali, di scoperte scientifiche e fondamentali conquiste tecnologiche, il Novecento è stato anche il secolo dei grandi sistemi totalitari. Emblematicamente, i gulag e i lager nazisti sono impressi nella coscienza collettiva come luoghi simbolo del "male assoluto", della più brutale sopraffazione dell'uomo sull'uomo. Uno dei più significativi studiosi del secolo appena passato, Ernst Nolte, analizza la storia europea mettendo in relazione tra loro bolscevismo e nazionalsocialismo. In una lettura ardita e dirompente li presenta come fenomeni interdipendenti, originati da un clima sociale storico-politico comune. La Seconda guerra mondiale è così per Nolte una vera e propria "guerra civile", risultante dell'incontro e dello scontro tra le due ideologie totalitarie.
La guerra civile europea 1917-1945, uscito in Germania nel 1987 e subito al centro di furiose polemiche, intende documentare l'evolvere del complesso rapporto di odio, terrore e fascinazione tra nazionalsocialimo e bolscevismo.

Ernst Nolte possiede una singolare capacità di sollevare interrogativi provocanti su nodi cruciali della storia del Ventesimo secolo. Appassionatamente discusse, respinte o condivise, le sue tesi sulle affinità tra bolscevismo e nazionalsocialismo lasciano comunque il segno nella storiografia contemporanea.
? Gian Enrico Rusconi, La Stampa

Secolo di straordinarie rivoluzioni politiche e sociali, di scoperte scientifiche e fondamentali conquiste tecnologiche, il Novecento è stato anche il secolo dei grandi sistemi totalitari. Emblematicamente, i gulag e i lager nazisti sono impressi nella coscienza collettiva come luoghi simbolo del "male assoluto", della più brutale sopraffazione dell'uomo sull'uomo. Uno dei più significativi studiosi del secolo appena passato, Ernst Nolte, analizza la storia europea mettendo in relazione tra loro bolscevismo e nazionalsocialismo. In una lettura ardita e dirompente li presenta come fenomeni interdipendenti, originati da un clima sociale storico-politico comune. La Seconda guerra mondiale è così per Nolte una vera e propria "guerra civile", risultante dell'incontro e dello scontro tra le due ideologie totalitarie.
La guerra civile europea 1917-1945, uscito in Germania nel 1987 e subito al centro di furiose polemiche, intende documentare l'evolvere del complesso rapporto di odio, terrore e fascinazione tra nazionalsocialimo e bolscevismo.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 13.00 €
    • Pagine: 770
    • Formato libro: 23 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817022385

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...