Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Killing pablo

Mark Bowden

Bur
Copertina di: Killing pablo

ascesa e caduta del “re della cocaina”

Sono passati 25 anni da quando Pablo Escobar, il criminale più potente e pericoloso dell’ultimo mezzo secolo, fu ucciso in un quartiere di Medellín, ma la sua storia di “nemico pubblico numero uno” è viva e attuale. Nessuno ha dimenticato l’imprendibile signore della droga che ha impegnato l’America in una caccia all’uomo senza precedenti e la Colombia in una guerra civile finita solo con la sua morte. Nato nel 1949, è passato in pochi anni dallo status di piccolo boss locale a quello di signore del narcotraffico planetario. Uccise capi della polizia, giudici, giornalisti e persino un candidato alla presidenza della Repubblica; nel 1982 si fece eleggere deputato, nel 1989 si posizionò al settimo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo e fece abbattere un aereo di linea; per più di dieci anni combatté una vera guerra non solo con il suo governo, ma anche con gli Stati Uniti e la Dea, l’agenzia antidroga statunitense. Quando, nel 1991, negoziò una sorta di armistizio e fu rinchiuso in una “prigione” più simile a una reggia che a un carcere di massima sicurezza, continuò da lì a governare il mercato mondiale della cocaina. E quando, un anno dopo, decise di darsi alla macchia, l’obiettivo dei suoi avversari divenne uno solo: ucciderlo. In questo libro appassionante – fondato su documenti segreti, intercettazioni telefoniche, interviste con i protagonisti – Mark Bowden racconta la colossale caccia all’uomo che, dispiegando le più avanzate tecnologie militari e di intelligence, portò i soldati americani della segretissima Delta Force e le squadre speciali della polizia colombiana a stringere il cerchio attorno a Pablo. Una storia vera, cruda ed emozionante, ma anche una parabola attuale sugli inconfessabili intrecci fra potere economico, potere politico e potere criminale.

Libri Correlati

vedi tutti