Italia dei due Giovanni (18) (L’)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

La morte di De Gasperi – di poco successiva alla sua sconfitta politica nella Dc – segna la fine di un ciclo. Chi sta alla guida del Paese tenta un cambio di marcia: è il momento di scelte coraggiose che garantiscano agli italiani benessere e tranquillità. Nel 1955 Giovanni Gronchi succede a Luigi Einaudi alla presidenza della Repubblica; tre anni più tardi Giovanni XXIII sale al soglio pontificio. Due figure inattese, ma capaci di lasciare un’impronta profonda: il presidente comincia il lungo lavoro che porterà alla nascita del centrosinistra; il pontefice rinnova radicalmente la Chiesa, indicendo il Concilio Vaticano II e formulando la questione comunista in un’ottica rivoluzionaria. Sono gli anni entusiasmanti dell’Italia all’Onu, della Cee, dell’Enel, del “memoriale di Yalta” di Togliatti e della “strategia dell’attenzione” di Moro. Eppure, tanto sul fronte interno quanto a livello internazionale, si avvertono i segni di una tensione preoccupante: le lotte intestine delle correnti partitiche, disastri economici come la disinvolta gestione Mattei dell’Eni, i disordini a Genova, Reggio Emilia e in altre città, le rivolte in Polonia e Ungheria, l’installazione di basi missilistiche Nato in Europa, l’omicidio di Kennedy, le prime fasi della guerra del Vietnam. Un decennio dalla doppia identità – a cavallo tra miracolo economico e terrorismo – nell’impareggiabile racconto di due maestri come Montanelli e Cervi.

La morte di De Gasperi – di poco successiva alla sua sconfitta politica nella Dc – segna la fine di un ciclo. Chi sta alla guida del Paese tenta un cambio di marcia: è il momento di scelte coraggiose che garantiscano agli italiani benessere e tranquillità. Nel 1955 Giovanni Gronchi succede a Luigi Einaudi alla presidenza della Repubblica; tre anni più tardi Giovanni XXIII sale al soglio pontificio. Due figure inattese, ma capaci di lasciare un’impronta profonda: il presidente comincia il lungo lavoro che porterà alla nascita del centrosinistra; il pontefice rinnova radicalmente la Chiesa, indicendo il Concilio Vaticano II e formulando la questione comunista in un’ottica rivoluzionaria. Sono gli anni entusiasmanti dell’Italia all’Onu, della Cee, dell’Enel, del “memoriale di Yalta” di Togliatti e della “strategia dell’attenzione” di Moro. Eppure, tanto sul fronte interno quanto a livello internazionale, si avvertono i segni di una tensione preoccupante: le lotte intestine delle correnti partitiche, disastri economici come la disinvolta gestione Mattei dell’Eni, i disordini a Genova, Reggio Emilia e in altre città, le rivolte in Polonia e Ungheria, l’installazione di basi missilistiche Nato in Europa, l’omicidio di Kennedy, le prime fasi della guerra del Vietnam. Un decennio dalla doppia identità – a cavallo tra miracolo economico e terrorismo – nell’impareggiabile racconto di due maestri come Montanelli e Cervi.

Commenti

Autori (2)


  • Mario Cervi

    Mario Cervi (Crema 1921) per molti anni è stato inviato speciale del "Corriere della Sera", articolista e inviato de "il Giornale" e de "la Voce". Dal 1997 al 2001 è stato direttore de "il Giornale" [...]

  • autore_img
    Indro Montanelli

    è stato il più grande giornalista italiano del Novecento: inviato speciale del “Corriere della Sera”, fondatore del “Giornale nuovo” nel 1974 e della “Voce” nel 1994, è tornato nel 1995 [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 11.00 €
    • Pagine: 304
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817055918
    • ISBN E-book: 9788858642962

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...