Il Maestro

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Le semiotiche testuali e le ermeneutiche contemporanee viaggiano ancora lungo le linee di forza tracciate da Agostino.
Umberto Eco

"Secondo te, quando parliamo, che cosa intendiamo fare?" A partire da questa domanda fondamentale inizia il Maestro, uno scritto in forma di dialogo, acuto e incalzante, composto da Agostino nel 389-390, all'epoca della sua conversione al cristianesimo. Si tratta di una riflessione sul senso e sulla funzione del linguaggio, che anticipa con grande lucidità alcune tra le più importanti tematiche della filosofi a del Novecento. Riprendendo e rielaborando posizioni di origine stoica, tra cui la distinzione tra significante e significato, Agostino riconosce che nulla può essere insegnato senza ricorrere a segni; tuttavia, per comprendere il significato di un segno e necessario un processo interpretativo.
Proprio da questa riflessione Agostino può osservare come per ogni conoscenza sia centrale il ruolo della fede, e come l'uomo disponga di una luce interiore di verità: il maestro interiore in ognuno di noi.

Di SANT'AGOSTINO (Tagaste, 354 ? Ippona, 430) la BUR ha pubblicato: Le confessioni.

MASSIMO PARODI insegna Storia della filosofi a medioevale all'Università di Milano.

Le semiotiche testuali e le ermeneutiche contemporanee viaggiano ancora lungo le linee di forza tracciate da Agostino.
Umberto Eco

"Secondo te, quando parliamo, che cosa intendiamo fare?" A partire da questa domanda fondamentale inizia il Maestro, uno scritto in forma di dialogo, acuto e incalzante, composto da Agostino nel 389-390, all'epoca della sua conversione al cristianesimo. Si tratta di una riflessione sul senso e sulla funzione del linguaggio, che anticipa con grande lucidità alcune tra le più importanti tematiche della filosofi a del Novecento. Riprendendo e rielaborando posizioni di origine stoica, tra cui la distinzione tra significante e significato, Agostino riconosce che nulla può essere insegnato senza ricorrere a segni; tuttavia, per comprendere il significato di un segno e necessario un processo interpretativo.
Proprio da questa riflessione Agostino può osservare come per ogni conoscenza sia centrale il ruolo della fede, e come l'uomo disponga di una luce interiore di verità: il maestro interiore in ognuno di noi.

Di SANT'AGOSTINO (Tagaste, 354 ? Ippona, 430) la BUR ha pubblicato: Le confessioni.

MASSIMO PARODI insegna Storia della filosofi a medioevale all'Università di Milano.

Commenti

Autore


  • Agostino (Santo)

    Agostino d'Ippona Nato a Tagaste, nell’Africa settentrionale, nel 354, fu vescovo d’Ippona dal 396 fino alla morte, nel 430. Seguace del manicheismo, dopo l’incontro con Ambrogio a Milano si [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: CLASSICI
    • Prezzo: 8.00 €
    • Pagine: 154
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817171175

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...