Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

I Fiori del male

Charles Baudelaire

Bur
Copertina di: I Fiori del male

Un ideale di intellettuale moderno che, perduta l'aureola del poeta nel fango cittadino, vive in piena rottura con la società che lo rifiuta.
Giovanni Macchia

Pubblicata per la prima volta nel 1857, questa biografia poetica riassume fin dal titolo la contraddittoria tensione che percorse tutta la vita di Baudelaire: dalla più cupa malinconia del quotidiano al più luminoso slancio verso l'ideale. Disposte secondo un'architettura ideata a posteriori, le liriche narrano la faticosa e sempre interrotta scalata del poeta verso la liberazione: attraverso paradisi urbani, naturali, esotici, femminili e artificiali, egli cerca di sottrarsi allo spleen ma affonda sempre di più in un'ammorbante voluttà. Il poeta veggente in grado di decifrare i geroglifici del mondo rimane inascoltato ed esiliato a terra. Troverà infine il suo punto di approdo nella Morte, conciliazione di tutti gli opposti. In una rinnovata edizione, con un profilo del poeta ad opera di Giovanni Macchia.

Di CHARLES BAUDELARIE (Parigi 1821-1867), considerato il più grande dei poètes maudits, nella BUR sono presenti Il mio cuore nudo, Piccoli poemi in prosa e Lo spleen di Parigi. Poemi in prosa.

GIOVANNI MACCHIA (Trani 1912 ? Roma 2001) è stato uno dei maggiori francesisti italiani. Tra i suoi saggi ricordiamo: Baudelaire e la poetica della malinconia, Il paradiso della ragione e Le rovine di Parigi.

Libri Correlati

vedi tutti