Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

I Conti con me stesso

Indro Montanelli

Bur
Copertina di: I Conti con me stesso

Che i diari di Montanelli siano un’opera a sé, diversa

dalla sua attività giornalistica, letteraria e storica,

mi sembra dimostrato dalla modesta importanza

che gli avvenimenti politici hanno in queste pagine.

Nel diario parlò anzitutto di se stesso.

Sergio Romano

 

Milano, 2 giugno. È la festa della Repubblica. Io la celebro ricevendo nelle gambe quattro pallottole di rivoltella, calibro 9. Me le sparano alle 10.10, appena uscito dall’albergo Manin, alle spalle. Aggrappandomi all’inferriata dei giardini pubblici, penso: ‘Devo morire in piedi!’. Questo pensiero stupido, retaggio sicuramente del Ventennio, è forse quello che mi salva: cadendo, avrei probabilmente preso l’ultima scarica nell’addome.” Indro Montanelli ci restituisce il racconto di vent’anni di storia del nostro Paese, vissuti da protagonista e analizzati con sguardo schierato ma sempre onesto, dalla prima linea del fronte civile. Un memoriale in cui sopra gli avvenimenti risaltano le persone: amici e nemici ritratti prima di tutto come uomini, senza falsi buonismi o censure. Il risultato è un affascinante affresco d’Italia, osservata e giudicata con quella dissacrante ironia che l’autore non risparmia neppure a se stesso.

Libri Correlati

vedi tutti