Goodbye Europa

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


CRONACHE DI UN DECLINO ECONOMICO E POLITICO

 

Dal libero mercato all'immigrazione, dal sistema giudiziario al lavoro: le strategie per arrestare il declino europeo. Il provocatorio manifesto di due autorevoli economisti.

 

"La lezione più importante che gli Stati Uniti possono impartire all'Europa è la convinzione che le persone rispondono agli incentivi e che nella maggior parte dei casi i mercati funzionano."

 

In America un procedimento giudiziario di sfratto dura circa 50 giorni. In Italia si arriva tranquillamente a 630. Tre giorni è il tempo necessario per aprire una nuova impresa in Danimarca. Un imprenditore italiano impiega 62 giorni. Da oltre un decennio, mentre gli Stati Uniti producono ricchezza, sviluppo e innovazione, l'Europa attraversa una fase di stagnazione economica. Quali le cause? Aleberto Alesina e Francesco Giavazzi offrono indicazioni decisive per interpretare la crisi del Vecchio Continente.

L'Europa ha bisogno di maggior concorrenza, non di aumentare le infrastrutture pubbliche. Iniziative pro-crescita, come l'Agenda di Lisbona, non risolveranno i problemi dell'Europa, anzi possono essere controproducenti. Le università europee hanno bisogno di più mercato, non di più denaro. Le aziende europee hanno bisogno di meno tasse, di un mercato del lavoro meno regolato e di mercati dei prodotti che funzionino meglio, non di sussidi e protezioni. L'Europa ha solo bisogno dei giusti incentivi e di rimettersi a lavorare. Deve anche prepararsi a gestire società multietniche, un tema di fronte al quale gli europei sono impreparati e che potrebbe divenire esplosivo. Questo non significa che l'Europa debba semplicemente adottare in toto il modello americano: vi sono aspetti del welfare europeo che sono efficienti e debbono essere preservati. Significa che esiste una "terza via", a metà strada tra il modello americano e quello europeo? No, o almeno non nel senso comumemente inteso. Chi sostiene l'esistenza di una terza via e parla della necessità di riforme in Europa, ma nella frase successiva pone l'accento sul fatto che l'Europa dovrebbe tenersi lontana dal liberalismo americano, ha solo le idee confuse.

"Se si vuole evitare il declino" ammoniscono gli autori "il cambiamento è indispensabile. Oggi si può ancora scegliere. Tra un decennio questa opzione potrebbe essere preclusa." Per riprendere a crescere occorre quindi avere il coraggio di liberare l'economia: "Quello che gli europei devono temere sono solo le loro paure".

 

CRONACHE DI UN DECLINO ECONOMICO E POLITICO

 

Dal libero mercato all'immigrazione, dal sistema giudiziario al lavoro: le strategie per arrestare il declino europeo. Il provocatorio manifesto di due autorevoli economisti.

 

"La lezione più importante che gli Stati Uniti possono impartire all'Europa è la convinzione che le persone rispondono agli incentivi e che nella maggior parte dei casi i mercati funzionano."

 

In America un procedimento giudiziario di sfratto dura circa 50 giorni. In Italia si arriva tranquillamente a 630. Tre giorni è il tempo necessario per aprire una nuova impresa in Danimarca. Un imprenditore italiano impiega 62 giorni. Da oltre un decennio, mentre gli Stati Uniti producono ricchezza, sviluppo e innovazione, l'Europa attraversa una fase di stagnazione economica. Quali le cause? Aleberto Alesina e Francesco Giavazzi offrono indicazioni decisive per interpretare la crisi del Vecchio Continente.

L'Europa ha bisogno di maggior concorrenza, non di aumentare le infrastrutture pubbliche. Iniziative pro-crescita, come l'Agenda di Lisbona, non risolveranno i problemi dell'Europa, anzi possono essere controproducenti. Le università europee hanno bisogno di più mercato, non di più denaro. Le aziende europee hanno bisogno di meno tasse, di un mercato del lavoro meno regolato e di mercati dei prodotti che funzionino meglio, non di sussidi e protezioni. L'Europa ha solo bisogno dei giusti incentivi e di rimettersi a lavorare. Deve anche prepararsi a gestire società multietniche, un tema di fronte al quale gli europei sono impreparati e che potrebbe divenire esplosivo. Questo non significa che l'Europa debba semplicemente adottare in toto il modello americano: vi sono aspetti del welfare europeo che sono efficienti e debbono essere preservati. Significa che esiste una "terza via", a metà strada tra il modello americano e quello europeo? No, o almeno non nel senso comumemente inteso. Chi sostiene l'esistenza di una terza via e parla della necessità di riforme in Europa, ma nella frase successiva pone l'accento sul fatto che l'Europa dovrebbe tenersi lontana dal liberalismo americano, ha solo le idee confuse.

"Se si vuole evitare il declino" ammoniscono gli autori "il cambiamento è indispensabile. Oggi si può ancora scegliere. Tra un decennio questa opzione potrebbe essere preclusa." Per riprendere a crescere occorre quindi avere il coraggio di liberare l'economia: "Quello che gli europei devono temere sono solo le loro paure".

 

Commenti

Autore


  • Francesco Giavazzi

    (Venezia, 1980), giornalista, scrive sui quotidiani veneti del gruppo L’Espresso. Nel 2009 ha scritto Che notte a San Marco.


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 8.60 €
    • Pagine: 224
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817021388

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...