Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Gli Italiani

Luigi Barzini

Bur
Copertina di: Gli Italiani

Virtù e vizi di un popolo

Prefazione di Sergio Romano

Anche l’Italia, come ogni altro paese, è cambiata. Ma i vizi, i tic e i dati caratteriali del paese sono rimasti gli stessi.
— Sergio Romano

Nel 1964 Luigi Barzini, su commissione di un editore americano, tentò di intercettare la nostra identità in un saggio, Gli italiani, descrivendo l’Italia della civiltà immortale e quella delle sciagure nazionali, senza dimenticare l’Italia piena di fascino amata dai turisti. Erano gli anni del boom, la nostra democrazia si andava consolidando, il nostro design dettava legge, così come la nostra cinematografia, la letteratura, il teatro e persino le automobili. Capire chi eravamo diventava quindi un’esigenza diffusa.
Oggi, a oltre quarant’anni dalla sua pubblicazione, il saggio di Barzini rivela ancora una forza dirompente. Perché nel leggere questa avvincente riflessione sulla nostra storia e sul nostro costume la domanda che ci si pone è insieme semplice e complessa: che libro avrebbe scritto Barzini se avesse dovuto scriverlo oggi? In che cosa ci siamo evoluti e che cosa, invece, è rimasto immobile e mineralizzato?