Frank Sinatra ha il raffreddore

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Queste meravigliose storie, nate sul filo sottilissimo dell’ispirazione, sono un monumento senza tempo innalzato al mestiere letterario.
Ecco che vuol dire scrivere qualcosa che valga davvero la pena di essere letto.”


scrittori contemporanei The Washington Post

Lo chiamano “poeta della quotidianità” e Tom Wolfe lo indica come il padre del New Journalism, ma di se stesso Gay Talese ha solo una cosa da dire: “Non ci ho mai davvero pensato. Io volevo solo scrivere come Fitzgerald”. Obiettivo centrato.
Le storie che Talese ha raccontato in oltre cinquant’anni sono vere pietre miliari della letteratura americana. Questo libro raccoglie le migliori e le propone per la prima volta ai lettori italiani. C’è lo straordinario ritratto di Frank Sinatra che, uscito nel ’66 sull’“Esquire”, è ancora oggi tra i dieci articoli più belli mai pubblicati; c’è il pezzo su Joe Di Maggio, universalmente considerato il miglior articolo sportivo mai scritto; ma ci sono anche sarti calabresi, boxeur in pensione e anonimi articolisti del “New York Times”. Catturati e immortalati per sempre nella scrittura cristallina e scintillante di un maestro del racconto.
“Io credo” scrive Talese “che, scavando abbastanza a fondo nei personaggi, si possa renderli veri quanto basta da farli sembrare inventati. È ciò che voglio: evocare il romanzesco che scorre sotto la superficie della realtà.”

“Talese usa gli strumenti della narrativa su persone ed eventi reali, e lo fa con una maestria che è più facile trovare in un racconto che in un giornale.”
— The New York Times

“Queste meravigliose storie, nate sul filo sottilissimo dell’ispirazione, sono un monumento senza tempo innalzato al mestiere letterario.
Ecco che vuol dire scrivere qualcosa che valga davvero la pena di essere letto.”


scrittori contemporanei The Washington Post

Lo chiamano “poeta della quotidianità” e Tom Wolfe lo indica come il padre del New Journalism, ma di se stesso Gay Talese ha solo una cosa da dire: “Non ci ho mai davvero pensato. Io volevo solo scrivere come Fitzgerald”. Obiettivo centrato.
Le storie che Talese ha raccontato in oltre cinquant’anni sono vere pietre miliari della letteratura americana. Questo libro raccoglie le migliori e le propone per la prima volta ai lettori italiani. C’è lo straordinario ritratto di Frank Sinatra che, uscito nel ’66 sull’“Esquire”, è ancora oggi tra i dieci articoli più belli mai pubblicati; c’è il pezzo su Joe Di Maggio, universalmente considerato il miglior articolo sportivo mai scritto; ma ci sono anche sarti calabresi, boxeur in pensione e anonimi articolisti del “New York Times”. Catturati e immortalati per sempre nella scrittura cristallina e scintillante di un maestro del racconto.
“Io credo” scrive Talese “che, scavando abbastanza a fondo nei personaggi, si possa renderli veri quanto basta da farli sembrare inventati. È ciò che voglio: evocare il romanzesco che scorre sotto la superficie della realtà.”

“Talese usa gli strumenti della narrativa su persone ed eventi reali, e lo fa con una maestria che è più facile trovare in un racconto che in un giornale.”
— The New York Times

Commenti

Autore


  • Gay Talese

    GAY TALESE (1932), giornalista e scrittore, è considerato con Tom Wolfe e Norman Mailer il padre del New Journalism americano. È stato reporter del “New York Times” dal 1956 al 1965. In seguito [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: CONTEMPORANEA
    • Prezzo: 11.90 €
    • Pagine: 320
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817045865
    • ISBN E-book: 9788858630280

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...