Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Fenicie

Euripide

Bur
Copertina di: Fenicie

Tragedia di straordinaria efficacia teatrale e tra le poche che riscossero un immediato successo, le Fenicie sono una delle ultime e più amare opere di Euripide. Eteocle e Polinice, figli di Edipo e suoi eredi, decidono di spartirsi il potere su Tebe e di regnare un anno a testa. Terminato il proprio anno, Eteocle si rifiuta però di consegnare il trono al fratello che, forte dell’appoggio del suocero Adrasto, re di Argo, pone l’assedio alla città. Tebe sarà salva, ma esito ineluttabile dell’odio tra Eteocle e Polinice sarà il fratricidio, che segna l’ingloriosa fine della dinastia maledetta dei Labdacidi, mentre Edipo, vecchio e cieco, andrà in esilio accompagnato dalla figlia Antigone e Giocasta si ucciderà sui corpi dei due figli caduti l’uno per mano dell’altro. La ricchissima introduzione di Enrico Medda esamina le molteplici problematiche della tragedia e della sua messa in scena; la puntuale nota al testo rende ragione delle scelte testuali adottate.

Libri Correlati

vedi tutti