Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Eracle

Euripide

Bur
Copertina di: Eracle

Tragedia di cupo fascino e rara intensità, l’Eracle mette in scena la catastrofe dell’eroe. Di ritorno dall’Ade, teatro della sua ultima fatica, Eracle salva la moglie e i figli dall’usurpatore di Tebe ma, reso folle da Era, sarà poi lui stesso a trucidarli. Cessato il delirio, vede la macchia indelebile di quel crimine sulla sua carriera eroica e, sconvolto dall’ostilità e dall’indifferenza degli dèi, rinnega la paternità di Zeus in favore di quella di Anfitrione, l’uomo che ha diviso con il dio l’amore di Alcmena e, nella versione euripidea del mito, ha contribuito a generarlo (non si parla più, come nella tradizione, del frutto umano di quel connubio, il gemello Ificle). Con l’amore del padre mortale e la solidarietà dell’amico Teseo, Eracle potrà riscoprire la radice umana della sua virtù. Il saggio introduttivo di Maria Serena Mirto addita il significato profondo del dramma in questa originale rilettura del racconto mitico.

Libri Correlati

vedi tutti