Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

L’eneide di Virgilio

Vittorio Sermonti

Bur

Se Virgilio sapesse che ci disponiamo a leggere la sua Eneide non ne sarebbe affatto contento. L’Eneide è un lavoro incompiuto e, se è vero quello che ci raccontano, il poeta in punto di morte avrebbe affidato ai due amici che detenevano il manoscritto il mandato di non pubblicare nemmeno un verso che lui non avesse licenziato. Grazie alla loro provvidenziale slealtà ora ci accingiamo a conoscere dalle sue parole l’avventurosa storia di Enea. Ma perché rileggere quest’opera proprio adesso e in una nuova traduzione? Per scoprire cosa ci succede al “suono dell’Eneide” oggi, e goderla nell’italiano con cui Vittorio Sermonti ha incantato il suo pubblico durante le letture che ha portato in tutta Italia. Ci accorgeremo allora che “la percezione del tempo e della sua velata fatalità non è mai così lancinante, come quando ascoltiamo le parole, la musica, le favole dei grandi classici”.

Libri Correlati

vedi tutti