Dopo l’occidente

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Lo strapotere della finanza, la fine della politica, il tramonto della Chiesa. Come possiamo riprendere in mano il nostro futuro, prima che i banchieri ce lo comprino a prezzi stracciati.

“La fretta divora l’Occidente: l’assillo del non perdere tempo impedisce di accorgersi che in realtà non si produce quasi più nulla delle cose che contano: pensiero, scienza, filosofia, letteratura, arte. Il mercato, la pubblicità, gli indici di Borsa hanno preso il loro posto.” Caustica, lucida, appassionata, Ida Magli denuncia in un pamphlet duro e coraggioso l’indifferenza irresponsabile con cui da anni l’Europa assiste al declino della propria cultura, l’accettazione passiva di falsi valori che, dietro il culto della forma e dei numeri, nasconde l’incapacità di immaginare un vero futuro. Un j’accuse che non risparmia nemmeno il Vaticano, la Chiesa e il suo clero, colpevoli di non saper difendere la storia, l’arte e la tradizione – le ricchezze autentiche delle nazioni – dalla progressiva desertificazione della civiltà e di non saper controbattere efficacemente alla tecnocratica religione del profitto, fondata sul dogma della crescita perenne, che terrorizza agitando l’ingannevole spauracchio del default. Un’esortazione a riprendere in mano il nostro futuro prima che sia troppo tardi, perché nessun popolo “fallisce”, e una cultura è viva finché continua a credere in se stessa e nella propria storia.

Lo strapotere della finanza, la fine della politica, il tramonto della Chiesa. Come possiamo riprendere in mano il nostro futuro, prima che i banchieri ce lo comprino a prezzi stracciati.

“La fretta divora l’Occidente: l’assillo del non perdere tempo impedisce di accorgersi che in realtà non si produce quasi più nulla delle cose che contano: pensiero, scienza, filosofia, letteratura, arte. Il mercato, la pubblicità, gli indici di Borsa hanno preso il loro posto.” Caustica, lucida, appassionata, Ida Magli denuncia in un pamphlet duro e coraggioso l’indifferenza irresponsabile con cui da anni l’Europa assiste al declino della propria cultura, l’accettazione passiva di falsi valori che, dietro il culto della forma e dei numeri, nasconde l’incapacità di immaginare un vero futuro. Un j’accuse che non risparmia nemmeno il Vaticano, la Chiesa e il suo clero, colpevoli di non saper difendere la storia, l’arte e la tradizione – le ricchezze autentiche delle nazioni – dalla progressiva desertificazione della civiltà e di non saper controbattere efficacemente alla tecnocratica religione del profitto, fondata sul dogma della crescita perenne, che terrorizza agitando l’ingannevole spauracchio del default. Un’esortazione a riprendere in mano il nostro futuro prima che sia troppo tardi, perché nessun popolo “fallisce”, e una cultura è viva finché continua a credere in se stessa e nella propria storia.

Commenti

Autore


  • Ida Magli

    (1925-2016), antropologa e saggista, nei suoi studi ha analizzato nel profondo la società italiana ed europea. Ha insegnato Antropologia all’Università di Roma e ha scritto per le [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: FUTUROPASSATO
    • Prezzo: 11.00 €
    • Pagine: 240
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817055789
    • ISBN E-book: 9788858625125

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...