Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Diario (1944-1948)

Bur
Copertina di: Diario (1944-1948)

Giuseppe Bottai fu il primo a capire che il ruolo storico del fascismo si era esaurito, e insieme a Dino Grandi fu il principale sostenitore dell'ordine del giorno che provocò la caduta di Mussolini. Condannato a morte l'11 gennaio 1944 per alto tradimento, fu costretto a nascondersi e poi arruolarsi nella Legione Straniera. In questa seconda sezione del" Diario", ciò che interessa all'uomo Giuseppe Bottai non è più tanto la situazione politica, quanto l'introspezione religiosa. Inizia così la parte più appassionante della sua vicenda umana.