Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Deserto

J.M.G. Le Clézio

Bur
Copertina di: Deserto

Premio Nobel per la letteratura 2008

“Con Le Clézio hanno vinto il Nobel gli esiliati della terra divenuti come ombre, il volto intimo e devastato della Storia.”
Libération

Un romanzo dal respiro epico che celebra, attraverso personaggi memorabili, la grandezza di una cultura perduta, di fronte alla quale è l’Europa ad apparire una landa sterile e desolata. Lalla è una figlia del Sahara, nata all’ombra di un albero e vicino a una sorgente. Nelle sue vene scorre il sangue degli “uomini blu”, i Tuareg sconfitti ma non domati dai conquistatori francesi. È cresciuta in una squallida bidonville, e sulle dune che guardano il mare, dove l’unico odore, e l’unico suono, è quello del vento, attende la rivelazione di Es Ser, il Segreto, il cui sguardo viene dal cuore del deserto e “brilla come una luce che non può scomparire”. Lalla arriva, come molti disperati, a Marsiglia, a fare i lavori più umili, ma la sua bellezza le spalanca un destino diverso. Più forte di ogni cosa, però, è il richiamo del deserto, l’unico luogo in cui potrà ritrovare se stessa.

Magnifiche immagini di una cultura perduta del Sahara in contrasto con un ritratto dell’Europa vista attraverso gli occhi di immigrati indesiderati.
Dalla motivazione del Nobel

Libri Correlati

vedi tutti