Correndo con le forbici in mano

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Da grande volevo diventare o un medico o una celebrità. L’ideale sarebbe stato fare la parte del medico in una serie TV.

- Augusten Burroughs

 

In testa alla classifica dei best seller negli USA da più di due anni, un milione e mezzo di copie vendute, l’esilarante e surreale memoir di Burroughs ha cambiato le regole del romanzo di formazione.

Correre con le forbici in mano è un pericoloso esercizio di acrobazia. La corsa di Augusten inizia a nove anni, quando la madre, una poetessa psicotica, lo parcheggia nella casa tutta rosa del proprio psichiatra, il dottor Finch. E non rallenta più per tutta l’adolescenza, per chè in quella casa cresce senza regole, insieme ai figli biologici e adottivi del dottore, tra liti furiose e i pazienti variamente disturbati che vi si aggirano. Proprio da uno di loro – un omosessuale trantaquattenne che pensa di aver trovato così cura alla propria depressione – Augusten viene iniziato al sesso, mentre la signora Finch passa il tempo appollaiata davanti alla televisione a sgranocchiare crocchette per cani. Ma chi ha tempo di badare a queste cose in una famiglia dove l’albero di Natale soggiorna in salotto insieme alla carcassa del tacchino del Giorno del Ringraziamento per almeno sei mesi? Capelli sempre laccati, giacche blu navy e il sogno di diventare una star, Augusten vive una vita che sembra la sceneggiatura di una sitcom grottesca. Eppure, scrive Walter Siti nell’introduzione, “il suo estremismo illumina qualcosa che ci tocca da vicino: la sfiducia nella realtà, la perdita della naturalezza, la liofilizzazione dei sentimenti – e un sottile brivido premonitore, che il nostro futuro assomigli sempre di più a una parodia”.

Da grande volevo diventare o un medico o una celebrità. L’ideale sarebbe stato fare la parte del medico in una serie TV.

- Augusten Burroughs

 

In testa alla classifica dei best seller negli USA da più di due anni, un milione e mezzo di copie vendute, l’esilarante e surreale memoir di Burroughs ha cambiato le regole del romanzo di formazione.

Correre con le forbici in mano è un pericoloso esercizio di acrobazia. La corsa di Augusten inizia a nove anni, quando la madre, una poetessa psicotica, lo parcheggia nella casa tutta rosa del proprio psichiatra, il dottor Finch. E non rallenta più per tutta l’adolescenza, per chè in quella casa cresce senza regole, insieme ai figli biologici e adottivi del dottore, tra liti furiose e i pazienti variamente disturbati che vi si aggirano. Proprio da uno di loro – un omosessuale trantaquattenne che pensa di aver trovato così cura alla propria depressione – Augusten viene iniziato al sesso, mentre la signora Finch passa il tempo appollaiata davanti alla televisione a sgranocchiare crocchette per cani. Ma chi ha tempo di badare a queste cose in una famiglia dove l’albero di Natale soggiorna in salotto insieme alla carcassa del tacchino del Giorno del Ringraziamento per almeno sei mesi? Capelli sempre laccati, giacche blu navy e il sogno di diventare una star, Augusten vive una vita che sembra la sceneggiatura di una sitcom grottesca. Eppure, scrive Walter Siti nell’introduzione, “il suo estremismo illumina qualcosa che ci tocca da vicino: la sfiducia nella realtà, la perdita della naturalezza, la liofilizzazione dei sentimenti – e un sottile brivido premonitore, che il nostro futuro assomigli sempre di più a una parodia”.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: BEST BUR
    • Prezzo: 8.90 €
    • Pagine: 308
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817025225

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...