Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

CIA

Bur
Copertina di: CIA

Questo libro dovrebbe essere una lettura obbligata
per ogni candidato alla presidenza, e per
chiunque voglia capire come mai gli Usa all’estero
non fanno che passare da un disastro all’altro.
The Boston Globe

 

Da quando, nel 1960, Eisenhower definì l’attività di spionaggio “una necessità sgradevole ma vitale” e i servizi segreti erano protagonisti della politica mondiale, le cose sono molto cambiate. Troppi insuccessi – dall’Europa all’Africa Nera, dal Sudest asiatico fino al disastro in Medioriente – hanno incrinato il mito dell’agenzia americana. Progressivamente, la CIA è venuta meno ai propri compiti e ha perso credibilità. Doveva raccogliere informazioni sull’attività degli altri Paesi, e non ha previsto la caduta dell’Unione Sovietica. Doveva evitare situazioni critiche e attacchi in patria, e non ha sventato l’attentato dell’11 settembre. Avrebbe dovuto informare il presidente, e gli ha consegnato dossier falsi sulle armi di Saddam. Tim Weiner, che ha intervistato i protagonisti e recuperato per primo migliaia di documenti appena desecretati, svela la storia segreta della CIA, completa e inquietante. Tolta la veste degli eroi intrepidi, gli 007 americani mostrano la loro seconda natura: sicari senza scrupoli che fanno il lavoro sporco ricorrendo anche a rapimenti, torture e massacri. Un’intelligence ormai disorganizzata e inaffidabile, che tra i pochi successi e i troppi fallimenti deve essere assolutamente rinnovata.