Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Aminta

Torquato Tasso

Bur
Copertina di: Aminta

L’Aminta è un portento”: il giudizio di Carducci rimane ancora valido dopo più di un secolo. Tasso scrisse questa “favola boschereccia” nel 1573 per la corte ferrarese degli Estensi. La storia a lieto fine dell’amore di Aminta e Silvia, tra fughe ed equivoci, si svolge in un mondo pastorale mitico. E il vero protagonista è proprio il paesaggio, il fascino ambiguo della natura, fantasma di una età dell’oro lontanissima dagli intrighi delle corti. È l’ultimo momento di felicità del Tasso, prima di immergersi del tutto nelle tormentate vicende della Gerusalemme liberata. L’edizione ripresenta il saggio introduttivo ormai classico di Mario Fubini e le note di Bruno Maier.

Libri Correlati

vedi tutti