Acarnesi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Introduzione di Guido Paduano
A cura di Rosanna Lauriola

L’incipit degli Acarnesi costituisce per noi l’avvio del teatro comico occidentale.
Guido Paduano

Scritta nel 425 a.C., nel pieno della guerra del Peloponneso, nel periodo più duro e buio per Atene, gli Acarnesi mettono in scena la profonda crisi che stavano vivendo le istituzioni ateniesi. A essere presa di mira è l’assemblea del popolo, emblema della democrazia e della sovranità popolare. In un susseguirsi di scene comiche e farsesche, si avvicendano su questo scenario i personaggi: il profugo Diceopoli, che, stanco della guerra, va a Sparta per stringere una pace privata, racchiusa in due preziose ampolle; gli ambasciatori spartani, personificazione dei funzionari corrotti; i Traci, soldati straccioni e malmessi; il generale Lamaco, militare sbruffone e ridicolo.
Venata da un profondo anelito pacifista, questa commedia, la prima rimastaci dell’autore, ci viene illustrata nell’introduzione da Guido Paduano, con la limpida traduzione di Rosanna Lauriola, che ha curato anche gli apparati e le scelte testuali.

Guido Paduano, docente di Filologia classica e Letterature comparate presso l’Università di Pisa, è uno dei massimi esperti di teatro e drammaturgia antica, cui ha dedicato numerosi saggi.

Rosanna Lauriola si occupa di epica arcaica e di teatro classico. Insegna Lettere classiche presso la University of Idaho (USA).

Introduzione di Guido Paduano
A cura di Rosanna Lauriola

L’incipit degli Acarnesi costituisce per noi l’avvio del teatro comico occidentale.
Guido Paduano

Scritta nel 425 a.C., nel pieno della guerra del Peloponneso, nel periodo più duro e buio per Atene, gli Acarnesi mettono in scena la profonda crisi che stavano vivendo le istituzioni ateniesi. A essere presa di mira è l’assemblea del popolo, emblema della democrazia e della sovranità popolare. In un susseguirsi di scene comiche e farsesche, si avvicendano su questo scenario i personaggi: il profugo Diceopoli, che, stanco della guerra, va a Sparta per stringere una pace privata, racchiusa in due preziose ampolle; gli ambasciatori spartani, personificazione dei funzionari corrotti; i Traci, soldati straccioni e malmessi; il generale Lamaco, militare sbruffone e ridicolo.
Venata da un profondo anelito pacifista, questa commedia, la prima rimastaci dell’autore, ci viene illustrata nell’introduzione da Guido Paduano, con la limpida traduzione di Rosanna Lauriola, che ha curato anche gli apparati e le scelte testuali.

Guido Paduano, docente di Filologia classica e Letterature comparate presso l’Università di Pisa, è uno dei massimi esperti di teatro e drammaturgia antica, cui ha dedicato numerosi saggi.

Rosanna Lauriola si occupa di epica arcaica e di teatro classico. Insegna Lettere classiche presso la University of Idaho (USA).

Commenti

Autore


  • Aristofane

    (445-380 a.C. ca.) è il massimo esponente della commedia antica, l’unico di cui ci siano pervenute opere integre. La satira politica e letteraria delle sue commedie instaura un intenso dialogo con [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Collana: CLASSICI GRECI E LATINI
    • Prezzo: 10.00 €
    • Pagine: 208
    • Formato libro: 18 x 11
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817024976
    • ISBN E-book: 9788858648902

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...